Sparanise. Al Galilei un convegno sui 70 anni di Turismo a Caserta

(Caserta) SPARANISE Un convegno per ricordare i 70 anni di turismo a Caserta e i Viaggi del Gusto in Terra di Lavoro. Mercoledì 17 febbraio prossimo alle ore 10, presso l’aula convegni dell’ISISS Galilei di Sparanise si terrà un convegno per la presentazione di due interessanti pubblicazioni turistiche edite dall’EPT di Caserta. Alla manifestazione, oltre al Dirigente scolastico Paolo Mesolella e al Commissario straordinario dell’EPT di Caserta dott.ssa Lucia Ranucci, parteciperanno i giornalisti Michele De Simone e Franco Tontoli. Agli allievi dell’indirizzo Turistico della scuola saranno presentati le pubblicazioni “Ept – 70 anni di Turismo a Caserta” e “Terra di Lavoro – Viaggi di gusto” che sono degli utili strumenti di conoscenza per i futuri operatori nel settore turistico- alberghiero. “Per il nostro istituto, che ha già compiuto un secolo- spiega il Preside Paolo Mesolella – sarà una buona occasione per far conoscere la Scuola ed in particolare l’indirizzo Turistico agli operatori del settori, ai giornalisti, all’Ente Provinciale del Turismo casertano. Ma anche per conoscere quelli che sono gli itinerari di Terra di Lavoro: ’. Itinerario storico del litorale: Sessa Aurunca, Cellole, Sinuessa, via Appia, Mondragone, Falciano del Massico, Carinola, Castel Volturno; l’ Itinerario naturalistico del litorale: Castel Volturno (Riserva Foce del Volturno, Oasi di protezione dei Variconi, Riserva di Castel Volturno), Falciano del Massico (Riserva naturale del lago Falciano, Oasi WWF di monte Massico); l’.Itinerario storico dell’Agro Aversano: Orta di Atella, S.Arpino, Parete, Aversa; l’ itinerario storico S. Maria C. Vetere , Capua, Recale, Marcianise; l’Itinerario storico dell’Alto Casertano: Sessa Aurunca, Francolise, Calvi Risorta, Giano Vetusto, Rocchetta e Croce, Riardo, Pietramelara, Teano, Caianello, Roccamonfina, Marzano Appio, Vairano Patenora, Pietravairano; l’ Itinerario storico dei borghi e dei castelli: Conca della Campania, Presenzano, Mignano Montelungo, San Pietro Infine, Rocca d’Evandro; l’ Itinerario naturalistico Alto Casertano:Teano (Sentiero dei mulini e del fiume Savone), Roccamonfina (Parco regionale “Foce del Garigliano”, Comunità montana di “Monte Santa Croce”, Borgo antico di Cerquarola e le Neviere), Monte La Frascara-Monte Santa Croce (orto della regina e le mura megalitiche), Tora e Piccilli (“Ciampate del diavolo”), Conca della Campania (Cascate di Conca), Marzano Appio (lago delle Corree); l’ Itinerario storico del Matese: Gioia Sannitica (Grotta di San Michele, monte Monaco, valle Canale, piana delle pesche), Piedimonte Matese (resti delle mura megalitiche e del monte Cila, convento di San Pasquale, eremo della solitudine, valle dell’inferno, passo di Miralago, valle del Torano), Castello Matese (resti delle mura megalitiche sannitiche, località di Acqua di S. Maria, valle Orsara, valle Concone), San Gregorio Matese (Pianellone e le aree protette, lago Matese, Bocca della Selva e Camporuccio), Valle Agricola (chiesa di San Sebastiano martire, torre del Pandone, chiesa dell’Annunciata, porta San Giovanni, ambiente naturalistico), Fontegreca (chiesa della natività di Maria Vergine, cipressata de “I zappini”, colle Janara, colle La falce e Sorienzuola), Gallo Matese (strada e il ponte romano, palazzo dei Signori di Bojano, lago di Gallo), Letino (mura preistoriche, il castello, il lago, fiume Lete, le grotte del Lete).

Il sito caserta24ore.it è verificato dall'Ordine dei Giornalisti