Padre Lorenzo Montecalvo e l’aborto

(Caserta24ore) Il grande peccato di questa generazione è l’aborto. Milioni di aborti sono stati commessi negli ultimi decenni. Uomini e donne hanno chiuso l’orecchio del cuore al grido angosciante e silenzioso di tanti bambini stritolati dalle forbici degli abortisti. Molti uomini e donne hanno combattuto strenuamente per l’affermazione dei diritti umani dei deboli del nostro paese, ma non hanno alzato un dito per difendere il diritto di vivere di milioni di bambini che sono i veri deboli dell’umanità, anzi hanno digiunato e si sono fatti incatenare perché uomini e donne avessero il diritto di uccidere i più deboli della società. Non riesco a capire come questa società possa chiamare pacifisti gli Erode di questo tempo. Questa società è veramente ipocrita, perversa e adultera. È una società senza Dio, perciò promuove la morte pensando di promuovere la vita. È una società ingannata dal signore della morte, da satana. I TG annunciano continuamente che in Italia non ci sono bambini e ci sono pochi matrimoni. Oggi avremmo avuto più bambini e più matrimoni se avessimo accolto i bambini che Dio Padre e Creatore ci aveva donato nel suo amore creativo. Voglio fare il profeta: nel futuro ci saranno ancora meno bambini e matrimoni. Sai perché? Questa generazione continua a diffondere la cultura della morte e della sterilità. I figli di Erode sono più accaniti nel difendere, anzi nel peggiorare la cultura dei loro padri. Prego e spero che i padri e i loro figli della cultura della morte possano tutti morire stringendo nella mano il Crocifisso dicendo: “Signore, abbi pietà di me!”. Il Vangelo non può essere accolto credendo in una pagina e scartando l’altra. Amen. Alleluia.
P. Lorenzo Montecalvo dei vocazionisti

Il sito caserta24ore.it è verificato dall'Ordine dei Giornalisti