Sparanise. Riapre al pubblico la storica biblioteca “Don Francesco D’Angelo”

(Caserta24ore) SPARANISE Il 17 novembre prossimo, alle ore 15, la storica biblioteca “don Francesco D’Angelo” dell’ISISS “ Galilei”, di Sparanise sara’ finalmente riaperta al pubblico. Dopo il trasferimento dalla vecchia sede in via Calvi, sarà di nuovo disponibile per la lettura ed il prestito di libri e riviste. E non solo per gli studenti, ma per tutti i cittadini che vorranno visitarla. Saranno presenti alla cerimonia di apertura, il preside dell’ISISS Galilei prof. Paolo Mesolella, i bibliotecari proff.sse Silvia delle Fave, Silvana Spagnuolo, diversi alunni e docenti, impegnati nei progetti di scrittura creativa, poesia e fotografia e scultura. “L’apertura pomeridiana, spiega il preside Paolo Mesolella, si colloca proprio nell’anniversario dei 100 anni dalla nascita di don Francesco D’Angelo, cappellano militare ed educatore, cui è intitolata la biblioteca. Durante la giornata di apertura (dalle ore 15 alle 17) doneremo ai presenti anche la “Guida alla biblioteca don Francesco D’Angelo” stampata dalla scuola. Perché una biblioteca è il più bel monumento che si possa offrire ai cittadini. Una biblioteca aiuta i giovani a crescere, a studiare il proprio territorio, la propria storia e dà loro la possibilità di impegnarsi e di migliorare il proprio futuro”. Gli 8 mila volumi della biblioteca sparanisana sono stati ordinati secondo le principali classi e divisioni della classificazione decimale Dewey. Dopo l’intitolazione a don Francesco D’Angelo, tenente cappellano sparanisano deportato in Germania dal 1943 al 1945 e la pubblicazione della guida cartacea la grande biblioteca sparanisana è anche approdata in rete con un proprio catalogo on line. In essa è possibile non solo consultare libri, ma anche leggere riviste e quotidiani. Oltre ai libri, la biblioteca possiede anche 300 videocassette, 200 ipertesti, 300 audiocassette ed un archivio informatizzato, con cataloghi per autori, per titoli e per argomenti. Una biblioteca che non ha eguali in tutto l’Agrocaleno e l’Alto casertano. Di grande interesse sono i suoi testi di psicologia, sociologia, pedagogia, informatica, economia, diritto, urbanistica, architettura, arte, pittura, cinema, critica letteraria e storia. Numerose sono anche le enciclopedie e le collezioni come i Premi Strega, i Premi Campiello, il Teatro di Pirandello, di Dario Fo e di De Filippo.