Napoli. Stadio Collana: restituite l’impianto ai cittadini!

(ilMezzogiorno) NAPOLI    Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, preso atto dell’attuale grave situazione determinatasi per il polisportivo Arturo Collana nel quartiere Vomero, al fine di sensibilizzare le istituzioni interessare alla soluzione, non più dilazionabile, del problema, per consentire la ripresa di tutte le attività che si svolgono nell’importante struttura pubblica, ha creato sul social network Facebook un’apposita pagina dal titolo “Restituiteci il polisportivo Arturo Collana” al link: https://www.facebook.com/ridatecilostadiocollana/ , invitando i cittadini anche a dare un proprio contributo propositivo al fine di dirimere definitivamente l’intricata matassa e consentire così la riapertura in tempi rapidi dell’impianto dopo i necessari lavori per garantirne la sicurezza.  ” Nella lunga quanto inaccettabile querelle tra la Regione Campania e il Comune di Napoli, che ha caratterizzato fin dall’inizio questa vicenda, con gli ultimi sviluppi legati all’azzeramento della gara per l’affidamento dell’impianto – sottolinea Capodanno  -, gli unici a pagare un prezzo salato sono i napoletani privati di uno dei pochi impianti sportivi pubblici presenti sul territorio cittadino, con particolare riferimento agli ottomila atleti che ogni giorno utilizzavano le strutture dell’antico stadio vomerese, allo stato dichiarato inagibile e dunque chiuso “.

 

            ” A questo punto – conclude Capodanno – la parola passa di nuovo ai due contendenti che ci auguriamo vogliano tenere conto delle numerose sollecitazioni che provengono,da diverso tempo a questa parte, dalla società civile per trovare un accordo definitivo nel rispetto delle norme vigenti, per riaprire e rilanciare lo storico impianto, sul cui campo, in passato e per diversi anni, ha giocato anche la squadra del Napoli e che negli ultimi tempi ha ospitato, tra gli altri, anche la squadra di calcio femminile cittadina “.

Il sito caserta24ore.it è verificato dall'Ordine dei Giornalisti