Napoli. Borrelli: “La movida a Napoli torna ad essere selvaggia”

(IlMezzogiorno) NAPOLI In diretta su Radio CRC, è intervenuto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi che a detto a proposito della movida e delle aperture dei baretti “Il problema, al di là della chiusura, è decidere se le persone possano o meno stare in strada. Se per le 23 chiudi i baretti, ma i ristoranti e le pizzerie poi restano aperte, allora il problema non l’hai risolto, hai solo colpito una categoria. La soluzione più saggia sarebbe, prima di tutto, vedere se calano i contagi e poi analizzare i casi particolari, e cioè che un determinato tipo di movida sta tornano ad essere, come prima della emergenza Covid, una movida selvaggia. C’è un pezzo della regione che non vuole cambiare, che difende con i denti il fatto che comportarsi in maniera incivile sia una caratteristica folkloristica del nostro Paese: credo sia aberrante. Questa è una subcultura radicata nel nostro territorio, che alimenta comportamenti criminali. Finché non decideremo di combattere, non solo con le forze dell’ordine, ma anche con la cultura, questo modo di pensare, non ne usciremo mai” così l’esponente regionale dei Verdi che poi torna sulle accuse a lui e alla madre mosse dal giovane videoblogger Salvatore Paternoster “E’ stato lui a raccontare la storia, in mezzo quello che è stato secondo me un ‘agguato che hanno organizzato diverse persone, che il padre ha una storia particolare alle spalle. Lui, da mesi, fa video non contro la camorra e l’illegalità, ma unicamente contro di me. Quello che è stato fatto nei confronti di mia madre è stato un vero e proprio agguato: si sono appostati, sono entrati e quando mia madre ha chiamato la polizia hanno iniziato ad urlarle contro svariati epiteti. Io non ho nessun ruolo nella gestione degli affari di mia madre e non l’ho mai avuto, detto ciò, però, pur di colpire me politicamente, si cerca di colpire una signora di 76 anni. Questa dimostra una cultura della vendetta trasversale