Capua. Presto 18 posti di degenza all’ospedale Palasciano

(Caserta24ore) CAPUA Le determinazioni assunte dal Direttore Generale dell’ASL Caserta in ordine alla riorganizzazione, pianificazione ed effettuazione di lavori pubblici delle strutture ospedaliere e sanitarie della Provincia di Caserta, condizionate anche dall’evoluzione della Pandemia Covid-19 , sono state oggetto di riconsiderazioni. Anche a Capua, saranno realizzati in tempi rapidi 18 posti di degenza presso l’Ospedale Palasciano. A darne notizia è l’Avv. Roberto Barresi, del movimento politico civico “Insieme per Capua” e, da tempo, unico strenuo ed attivo sostenitore della riapertura del nosocomio cittadino.
Barresi nei mesi scorsi, aveva più volte scritto e contattato il Ministro della Salute, Speranza, il Governatore della Campania De Luca ed il Direttore Generale dell’ASL – Caserta, Russo, evidenziando la necessità della riapertura, anche parziale, dell’Ospedale di Capua, anche alla luce dell’evolversi degli effetti della pandemia Covid-19 ed in conseguenza del piano di interventi interessanti il nosocomio, consistenti nella realizzazione dell’Ospedale di Comunità, l’Hospice ed il Pronto Soccorso, per i cui lavori era stata poi stanziata la somma di 4.638.000 euro . “Oggi – ha dichiarato Barresi – con le decisioni adottate dalle istituzioni competenti e dall’Unità di Crisi della Regione Campania, si realizza finalmente un tangibile e significativo raggiungimento di un risultato importante in favore della Città e dei Cittadini, da noi voluto caparbiamente e con determinazione, nonostante il grave disinteresse manifestato da tante forze politiche e dai loro rappresentanti, compresa l’amministrazione comunale locale. Con la riattivazione delle degenze nell’Ospedale Palasciano – ha concluso Barresi- si da forza alla legittima richiesta di utilizzo totale del nostro nosocomio, indispensabile per la tutela della salute di tanti cittadini.