Teano- Sparanise. Al Foscolo il prof. Coppolino dell’Università Partenope parla di sicurezza Informatica

(Caserta24ore) SPARANISE -TEANO L’informatica oggi è importante, ma è ancora più importante la sicurezza informatica. Soprattutto in questo periodo di Didattica a Distanza integrata. Da qui la necessità di organizzare un convegno con un grande esperto del settore di livello universitario. Giovedì 17 dicembre, presso l’Isiss Foscolo di Teano e Sparanise si è tenuto un interessante incontro di Orientamento sulla Sicurezza Informatica con il prof. Luigi Coppolino, professore associato di “Sistemi di elaborazione delle informazioni” presso il Dipartimento di Ingegneria industriale e dell’informazione dell’Università Partenope di Napoli. E specializzato in “Sistemi di elaborazione delle informazioni”. All’incontro, che si è tenuto in modalità a distanza, hanno patecipato le classi dell’Indirizzo Informatico (Sistemi Informativi Aziendali) e le classi quarte e quinte del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate con i docenti di Informatica Marco Conti, Andrea Vendemia e la prof.ssa Genovina Palmieri. Durante gli incontri è stato presentato anche il Progetto “Cyber Challenge” dell’’Università Parthenope, un percorso di formazione specialistica sul tema della Cyber security, rivolto ad una platea selezionata di ragazzi. L’idea dell’Università è stata quella di canalizzare, attraverso una sfida, la passione e la motivazione dei giovani, con l’obiettivo di introdurli in un percorso formativo sulle tematiche della sicurezza dei complessi sistemi per l’elaborazione delle informazioni, su cui ormai si basa il funzionamento della società. Da più parti infatti è stata segnalata una forte carenza di competenze in cyber-security e  l’Università Parthenope ritiene che la formazione in questo settore sia un impegno a cui le scuole e le Università non possono sottrarsi. “Anche la nostra scuola, spiega il preside del Foscolo, prof. Paolo Mesolella, nella sua ricerca innovativa in merito ai Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’ Orientamento, non poteva non tenerne conto. Il seminario è stato particolarmente interessanti vista anche la prepazione scientifica del prof. Coppolino, ex alunno del Foscolo di Sparanise. Dopo essersi laureato in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, nel 2004 ha conseguito un Master Universitario di II livello in Architetture Affidabili presso l’Università della Campania. Ha conseguito poi un Dottorato di ricerca in Ingegneria Informatica ed Automatica presso la Federico II di Napoli. Nel 2006 è stato premiato nell’ambito della settima edizione del premio SIMAGINE, organizzato da Axalto, SUN Microsystem e Samsung, con il suo progetto TrustedSIM, basato su Javacard. L’attività di ricerca del prof. Coppolino si focalizza principalmente sull’affidabilità delle Critical Information Systems, come i sistemi sanitari, i sistemi di controllo ferroviari, avionici e delle automotive. E’ stato Visiting Researcher presso il laboratorio di ricerca del prof. Branko Celler all’Università del New South Wales (Sydeny) dove ha lavorato alla sicurezza di un sistema di Telecare sviluppato dallo stesso laboratorio. Il prof. Coppolino collabora a numerosi progetti di ricerca finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito dei programmi di finanziamento alla ricerca FP7 e H2020. E’ attualmente Technical Coordinator del progetto Compact ed ha svolto un ruolo rilevante nell’ambito dei progetti Stream, Intersection, Inspire, Massif, Sawsoc, LeanBigData, Sereca, Konfido. Il prof. Coppolino collabora con riviste scientifiche di primo piano, come IEEE Proceedings, IEEE Transaction on Dependable and Secure Computing, è Associate Editor per la rivista “Security and Communication Networks” edita da Wiley/Hindawi ed è autore di oltre 60 pubblicazioni scientifiche in riviste di rilevanza internazionale .

Il sito caserta24ore.it è verificato dall'Ordine dei Giornalisti