Covid. Il governo balla sui morti

(Lui.Spa). Per fronteggiare questa guerra contro il virus Covid19 si sta pagando un prezzo molto alto in termini di vite umane. Nelle guerre di un tempo venivano risparmiati donne, vecchi, bambini e i malati. In questa, il Covid sta risparmiando solo i bambini e si sta accanendo su vecchi e malati. Chi ci governa sembra rincorrere il virus in campo aperto come fosse una gallina. E’ difficile prendere una gallina a mani nude, bisogna spingerla nel pollaio, isolarla e poi prenderla. Così si dovrebbe fare col virus: isolarlo!
Ma lasciando correre i contagi, anche col vaccino, ancora quanti morti dovremo contare prima di isolare e controllare il virus?
Prendiamo la scuola ad esempio: da sola non è occasione di aumento esponenziale dei contagi. Ma aggiunta ai settori economici che si cerca di tenere aperti per sopravvivenza, finisce per essere non la classica goccia che fa soltanto traboccare, ma la causa della caduta del vaso.
Più persone circolano, piu’ persone si assembrano e l’indice di contagio aumenta.
Con le misure ballerine: oggi aperti, domani chiusi, domani di nuovo aperti si balla sui morti.
Mentre il popolo muore per davvero di fame, di covid, di precariato, di stenti, i ricchi e i politici si fanno ricoverare nelle cliniche migliori e non hanno nessun timore.
In passato poteva capitare che temessero chi abbracciava metodologie di lotta politica in armi. Oggi non è più così, non hanno neanche più il timore che qualcuno si riarmi per legittima difesa, perche’ per fortuna quei tempi sono lontani e si spera non tornino più. Il mondo è cambiato e si è tutti più ragionevoli.
Ma di fronte alla perdita di consenso questi politici proprio sembrano non ragionare: anche De Luca di fronte alle prime proteste di piazza a dicembre ha tirato i remi in barca, scaricando la responsabilita’ di scelte impopolari sul Governo centrale.

La ministra Azzolina che meno di un mese fa pare abbia detto: “Se aprono le piste da sci, allora devono aprire anche le scuole” e che in estate alimentava sterile polemiche sui banchi a rotelle, sembra una volontaria della Croce Rossa spedita in guerra a sua insaputa in attesa di essere rimpastata ed intanto il governo traballa sui morti 😟 (foto repertorio).