A Roma la Marcia per la vita, il 22 Maggio, ore 11, ai Fori Imperiali.

(Matteo Fraioli CitizenGO) ROMA È passato poco più di un anno dall’inizio della pandemia. È stato un anno difficile, fatto di limitazioni, rinunce, perdite. Ma nonostante la paralisi mondiale, la lobby dell’aborto non si è mai fermata… Anzi, durante tutto quest’anno gli abortisti hanno approfittato della pandemia per intensificare i loro subdoli attacchi alla vita e per promuovere la cultura della morte in tutto il mondo:
In Nuova Zelanda, i radicali si sono battuti e hanno fatto approvare una legge che amplia notevolmente il margine dell’aborto fino alla nascita; In Argentina è stata aprovata la legge sull’aborto fino alla quattordicesima settimana; L’ONU ha sostenuto nuove offensive delle organizzazioni pro-aborto a livello internazionale, sia all’UN Women che alla Conferenza sulla Popolazione e lo Sviluppo, cercando di rifilare l’aborto spacciato per “aiuti umanitari” nei paesi in via di sviluppo. A seguito della sentenza della Corte costituzionale che ha vietato l’aborto eugenetico in Polonia, gruppi pro-aborto, femministe , radicali e liberali hanno inscenato violente proteste in tutto il paese, arrivando ad attaccare anche le chiese. Negli Stati Uniti il presidente Biden ha ristabilito i finanziamenti per le organizzazioni abortiste. E in Italia il Ministro Speranza ha liberalizzato l’aborto farmacologico con la RU486. La pandemia non li ha fermati. Ma non ha fermato nemmeno noi che abbiamo continuato a contrastare le loro iniziative con tutta la nostra potenza di fuoco, rispondendo colpo su colpo.
Ed ora siamo felicissimi di poter portare in piazza la testimonianza di lotta per la vita di CitizenGO e dei suoi membri alla marcia per la vita a Roma. La marcia per la vita si terrà a Roma il 22 Maggio, ore 11:00, presso i Fori Imperiali. Un momento di amicizia, di condivisione e di testimonianza unici a sostegno della vita nascente. La partecipazione è importantissima affinché il mondo riceva la testimonianza di un popolo che si oppone a questa cultura della morte in difesa del diritto alla vita di ogni bambino. C’è bisogno di testimonianza.
La marcia per la vita rappresenta un momento di reazione alle pressioni mondiali delle lobby pro-aborto (ecco perché è un evento che si promuove in tantissime nazioni). Un modo con cui possiamo ricordare al mondo intero la verità, ovvero che l’aborto è la soppressione crudele e violenta di un essere umano unico ed irripetibile.
Alla manifestazione si può partecipare da qualsiasi parte d’Italia, basta muoversi con l’autocertificazione in cui si indichi il motivo dello spostamento (Marcia per la vita 2021). La manifestazione è stata organizzata nel rispetto di tutte le norme di sicurezza. Matteo Fraioli e il team di CitizenGO

Il sito caserta24ore.it è verificato dall'Ordine dei Giornalisti