Milano. Commemorazione della strage di Via Palestro

(Caserta24ore)= MILANO La notte del 27 luglio del 1993 Cosa Nostra colpì il cuore di Milano facendo esplodere un ordigno che causò la morte a cinque persone in via Palestro.
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani ricorda a distanza di 29 anni i nomi delle vittime innocenti di quel giorno: Alessandro Ferrari (vigile urbano); Carlo La Catena (25 anni), Sergio Pasotto (34 anni) e Stefano Picerno (36 anni) (vigili del fuoco); il marocchino Moussafir Driss (44) che dormiva su una panchina dei giardini pubblici.
Nonostante le indagini non abbiano definito le circostanze / le dinamiche dei fatti e non siano stati destinati alla giustizia i mandanti, crediamo doveroso continuare a tenere viva la memoria nelle scuole italiane di quanto accadde affinché le giovani generazioni non dimentichino e coltivino i valori della legalità. I docenti hanno il dovere di divulgare e far riflettere sui fatti del passato per sensibilizzare e suscitare interesse dei giovani circa conoscenza di episodi importanti della nostra storia. (prof. Romano Pesavento, presidente CNDDU)